Gli Infernot in Monferrato
Gli-Infernot-in-Piemonte

Infernot

Il Monferrato vanta parecchie caratteristiche che lo rendono un territorio unico, entrato a pieno titolo nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. In particolare, nel Basso Monferrato si può notare come la maggior parte delle vecchie cascine sono costruite con grossi blocchi di una pietra che si trova solo qui: la cosiddetta Pietra da Cantoni, dal nome dei blocchi squadrati usati per le opere in muratura, chiamati appunto cantoni dal dialetto cantun. Variano dal giallo a diverse tonalità di grigio fino al bianco, secondo la zona di provenienza, e sono il risultato del sedimentarsi, nel corso di milioni di anni, sul fondo del mare che un tempo ricopriva le colline monferrine, di un impasto di sabbia, limo e organismi come crostacei e conchiglie. E’ infatti piuttosto comune trovare, sulla superficie dei cantoni, fossili ottimamente conservati delle creature che abitavano questo mare preistorico. Un dettaglio che conferisce un tocco esotico, e misterioso, all’architettura monferrina.

Infernot in Monferrato
I monferrini sfruttarono le caratteristiche della Pietra da Cantoni anche in un altro modo ingegnoso. Presero a scavare nella roccia viva, ricavandovi cantine sotterranee dove conservare le bottiglie migliori o le vivande durante l’estate, sfruttandone le naturale frescura. Nacquero così gli Infernot. In alcuni casi si tratta di autentiche opere d’arte, con nicchie scolpite, colonne, capitelli e addirittura tavoli interi ricavati da un unico blocco. Tesori nascosti di un antico sapere popolare. In Monferrato, la zona di eccellenza degli infernot comprende i Comuni di Camagna, Cella Monte, Frassinello Monferrato, Olivola, Ottiglio, Ozzano Monferrato, Rosignano Monferrato, Sala Monferrato, Vignale Monferrato. Mentre i Comuni della zona limitrofa sono Altavilla Monferrato, Casale Monferrato, Casorzo, Castelletto Merli, Cereseto, Conzano, Cuccaro Monferrato, Fubine, Grana, Grazzano Badoglio, Lu, Moncalvo, Occimiano, Penango, Ponzano Monferrato, Serralunga di Crea, Terruggia, Treville.

Infernot

Le DOC principali del territorio sono: Barbera del Monferrato, Barbera d’Asti,Grignolino del Monferrato Casalese, Monferrato Freisa, Monferrato Rosso, Monferrato Bianco, Monferrato Casalese Cortese.

About Author

client-photo-1
Guido Clerici
Guido Clerici | Fotografo dal 1990, iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti dal 2004, ha pubblicato copertine, servizi redazionali e pubbliredazionali sui più importanti magazine italiani ed internazionali (GQ Italia-Germania-Russia-Spagna, AD Russia, Traveller Russia, Max, Abitare, Interni), ritraendo celebrità italiane ed estere come John Malkovich, Casey Stoner, Chef Cracco, Vico Magistretti, Winton Marsalis, Pistorius e molti altri ancora. Collabora con aziende, studi di architettura e di design realizzando immagini per brochure, cataloghi e siti web. È stato rappresentato da Grazia Neri, la prima agenzia fotografica italiana, ed attualmente dall’Agenzia LUZphoto di Milano. Oltre che di fotografia si occupa di vino, gastronomia e turismo. Tra il 2010 e il 2012 consegue i titoli di Direttore Tecnico di Agenzia Viaggi, il Diploma di Sommelier con l’AIS e il Titolo di Assaggiatore formaggi con l’ONAF. Con Officine Turistiche, una piattaforma on line le cui principali attività sono correlate alla proposta di itinerari e percorsi enogastronomici fortemente basati sulla mobilità sostenibile, offre servizi quali realizzazione di servizi fotografici, creazione siti web ed organizzazione eventi.